BAND

Clay Cambeck

Compositore di musica leggera, cantante già professionista, polistrumentista (basso, chitarra, tastiere), consulente legale musicale, editore e produttore. Negli anni si è esibito in attività concertistica rock. Oggi è impegnato come “impersonator” di Paul McCartney nelle Tribute Bands dedicate ai Beatles, anche a livello internazionale.
Come cantante session man ha inciso dischi per varie case discografiche (Media Records, Lombardoni, ecc.) negli anni ’80. Come compositore/artista dal 1983 ad oggi ha pubblicato 11 albums.
E’ autore per artisti americani (Brian Acosta, album “Fly Away”, Maryland, 2004 – George Trowbridge, album “Playboy Swing”, Nashville, 2006), e scrive anche per spot e sigle radio/televisive. Come editore nel 2000 ha fondato la casa editrice musicale “Shinseiki S.r.l.”, attiva con più di cento contratti di edizione per artisti indipendenti italiani (Marta Sui Tubi, Micevice, A Toys Orchestra fra gli altri). Nel 2007 la Shinseiki ha vinto il premio S.I.A.E. per la migliore casa editrice di musica indipendente (per l’album del gruppo “A Toys Orchestra”).

Massimo De Matteis

Comincia giovanissimo negli anni 80 accompagnando Nat Pioppi, cantante dei Brutos, gruppo anni 60. Suona poi nei Bassapadana, band dalla radice Folk, progetto che sfocia in un CD prodotto da “Il Manifesto” a tiratura nazionale. Questo lo porta a girare l’Italia e la Svizzera e ad incrociare personaggi quali Elio e le storie tese, Timoria, Bandabardò, Modena City Ramblers, Freak Antoni degli Skiantos, Gang, Alfonso Borghi (già coautore di Pierangelo Bertoli), e tanti altri. Collabora anche con la casa Discografica Bresciana MEDIA RECORD. Intraprende poi uno stile più Etnico/Jazz nei “ Popinga” con i quali tutt’ora suona e fa concerti. Nel 2007 esce il loro primo CD autoprodotto. Dal 2008 è il batterista di Fabrizio Varchetta nel gruppo “I Witko” che propongono musica propria in stile Folk/Rock. Dal 2014 è il batterista dello spettacolo “MinaMia” con Sabrina Paglia. Nel 2008 avviene l’incontro con Giovanni Cavalcabue e nascono i LET IT BEAT, col preciso intento di proporre un tributo ai Beatles completo e di qualità. Dal 1997 è iscritto alla SIAE come compositore.

Pier Paolo Pancaldi

Ferrarese di nascita ha avuto la sua prima iniziazione musicale, già da adolescente, interpretando le canzoni dei Beatles. Si è in seguito iscritto al conservatorio di Ferrara conseguendo il diploma di canto e pianoforte complementare, cominciando ben presto la carriera di cantante lirico sia in Italia che all’estero.
Nel contempo ha mantenuto sempre i contatti con il mondo della musica rock che lo ha visto e lo vede impegnato in numerosi progetti e collaborazioni che spaziano dalla musica celtica (Modena city ramblers) al blues e al pop-rock.
Molto attivo nel panorama musicale reggiano con diversi progetti che spaziano dal rock-blues al tributo ai gruppi che hanno creato le leggende del rock (Dire Straits, Eagles, Toto, Chicago, Genesis, Jethro Tull, ecc..).
Lo si vede inoltre impegnato come solista in tour acustici dove propone brani virtuosistici di J. Kaukonen e Tommy Emmanuel. Nel 2008 insieme a Massimo Dematteis e Giovanni Cavalcabue fonda i LET IT BEAT con i quali sta realizzando la sua maggiore ambizione, quella di un tributo ai Beatles professionale. E’ maestro di chitarra, pianoforte e canto.

Giovanni Cavalcabue

Si forma musicalmente con il maestro Tiziano Bellelli e prosegue gli studi di chitarra acustica, elettrica e di canto, affiancando anche altri strumenti come armonica, percussioni e banjo. Nei primi anni ’90, da ragazzino, sente la prima cassetta dei Beatles ed è una folgorazione: la cassetta verrà rovinata a furia di ascolti. 
Comincia l’avventura live alla sagra d’la Pev d’Gualter con CALEF E I COMPAGNI DI MERENDE, per poi proseguire  per alcuni anni con i MIDNIGHT CATS, scatenata band di rock’n’roll con la quale suona anche in Irlanda e in Germania. Il richiamo dei fab four però è troppo forte e nel 2003 nascono i LIVERPOOL BAND, tributo ai Beatles, che si sciolgono nel 2007. Dal 2005 al 2010 è anche con i FOLKIN’PO, band di musica folk popolare con la quale suona il banjo, e nel frattempo intermezza anche altre esperienze come corali e festival buskers. Nel 2008 nasce l’ambizioso progetto LET IT BEAT che sta proseguendo in giro per tutto il nord Italia.


I LET IT BEAT ringraziano per le collaborazioni passate, presenti e future…

Nicola Pietrangeli, Gabriele Rinaldo, Lino Nicola Grasso, Walter Marth, Max Ramuschi, Pino Locritani, Andrea Govoni, Alessandro Bedonni, Alessandro Bignotti, Mauro Volonterio, David Sabiu, MAL, Flavio e Francesca Bussei, Tiziano Bellelli, Giampaolo Violi, Tommy Favaloro, Francesco Mazza, Beppe Dallari, Mattia Fasolo, sarta Romina Lasagni, Andrea Barbi, Giancleofe Puddu, Sergio Longhi, Egidio Montanari, Paolo Ponti, Lorenzo Mantovan, Nicola Casalini, Lollo Immovilli, Claudio Bassi, Jacopo Caroni, Claudio Varetto, Stefano Dallai, Vincenzo Nappa, Fabrizio Bozzelli, Alioscia Rosa, il Raffo Bonardi, Nicoletta Menozzi

…e scusate eventuali dimenticanze!